Attenzione!

Il nostro server è entrato in casa d'altri di notte ed è stato ucciso

Se non volete restare a corto di lercio comprate il libro

liegi-liegi

Ciclismo. Trionfa alla Liegi-Bastogne-Liegi restando direttamente a Liegi

4 maggio 2017

Liegi (Belgio) – La Storia del ciclismo è costellata di eventi leggendari che ancora oggi tutti, appassionati e non, ricordano con stupore: come dimenticare, infatti, la leggendaria vittoria di Primo Carnera alla Milano-Sanremo del 1931, senza usare la bici e prendendo a pugni tutti gli avversari? Oppure l’amicizia-rivalità tra Coppi e Bartali, contrassegnata dalla foto dello scambio della borraccia, in cui non si capisce chi la sta passando a chi, ma siamo sicuri tutti di una cosa: la borraccia era piena di piscio. Il tutto fino ad arrivare ad eventi storici più recenti, come i blitz antidoping e le squalifiche.
Eppure, tutti questi momenti, sono stati cancellati da quella che molto presto verrà definita come “la più grande impresa sportiva di tutti i tempi”.

Gaston LaChance è un giovane ciclista belga di appena 19 anni, ha iniziato ad allenarsi sin da piccolo nella squadra di ciclismo locale: quattro pomeriggi a settimana, dopo la scuola, il suo tempo era tutto dedicato ad esercizi per le gambe e le braccia, allenare la resistenza e dosi massicce di Ventolin, pur non essendo asmatico, ma il cortisone dilata i bronchi e una corretta respirazione, nel ciclismo, vale almeno il 50% della preparazione.

Gaston ha visto per anni le gare ciclistiche professionistiche e sognava di vincere la Liegi-Bastogne-Liegi davanti al suo pubblico, alla sua famiglia. Ha passato anni a studiare il percorso e capire le strategie migliori per trionfare fino a quando, proprio pochi attimi prima della partenza, ha un lampo di genio: lo starter fa partire la corsa, Gaston è nel gruppo a sgomitare assieme ad altri ciclisti ma, improvvisamente non visto, prende una strada secondaria e sparisce.

Il resto dei concorrenti continua a darsi battaglia, Gaston sembra sparito, non si vede nemmeno nel gruppo di coda, invece si trova in un pub mangiando cozze e patate fritte, accompagnate da un’ottima birra trappista del luogo.
Il ragazzo però non sembra essersi ritirato, anzi guarda con attenzione la gara, trasmessa dalla tv situata nel locale e, non appena vede che il gruppo sta riprendendo la via di Liegi, inforca la bici e, attraverso una serie di strade secondarie, sbuca proprio sul percorso di gara e taglia il traguardo con largo anticipo rispetto agli avversari, talmente largo che non erano ancora presenti né gli operatori televisivi né i giudici di gara, che infatti in un primo tempo avevano assegnato la vittoria al primo arrivato di quello che era ritenuto il gruppo di testa, ma grazie alla registrazione video della telecamera di un bancomat posizionato lì vicino si è potuta invece stabilire l’ampia vittoria di Gaston.

La folla è quindi in delirio, i genitori commossi, la fidanzata bagnata e subito i giornalisti accerchiano Gaston per capire i segreti della sua vittoria e il ragazzo dichiara, in modo lapidario: “Perché sbattermi ad andare fino a Bastogne e poi tornare a Liegi se partenza e traguardo coincidono?”. Sicuramente Gaston non verrà sottoposto a controlli antidoping, anzi probabilmente verrà chiamato ad Harvard per tenere una conferenza sulle imprese sportive.

Ma se è commovente la vittoria di questa giovane promessa del ciclismo, lo è ancor più il secondo posto di Bruno, il 60enne proprietario del pub che ha inseguito Gaston su di una Graziella perché non aveva pagato il conto.

Marco Bressanini

Dal 2008 conduce una brillante carriera nel precariato. Prima è stato studente, vagabondo e frontman di una one man band, da cui si è separato per dissidi interni.

Commenta