schettino-de-falco

Caso Concordia: Schettino interpreterà De Falco in una fiction Rai

30 settembre 2014

Nel prossimo autunno la RAI manderà  in onda una fiction sulla tragedia avvenuta il 12 gennaio del 2012, quando l’ormai celebre Costa Concordia si accasciò su un fianco davanti all’isola del Giglio. La vera sorpresa di questo colossal targato RAI Fiction  è nel cast: Simone Schettino, il comico, omonimo e compaesano del vero Schettino, interpreterà il comandante della Concordia. Ma anche il vero Schettino sarà presente nel film ed interpreterà il ruolo del personaggio a lui più distante: il capitano De Falco. Inizialmente per il ruolo di Schettino si era fatto il nome di Leonardo Di Caprio. La star di Hollywood pare fosse interessata al ruolo, perché convinto di poter dare un taglio introspettivo al personaggio del capitano. L’attore ha poi rifiutato, per paura di ricadere un’altra volta nel ruolo di chi affonda.

Con la scelta del comico Schettino la produzione ha voluto dare un taglio più leggero alla fiction. I due attori (Schettino-Schettino) (Schettino- De Falco), non appaiono, a quanto pare, come dei veri e propri antagonisti, ma piuttosto una sorta di alter ego l’uno dell’altro. E la famosa registrazione, dove De Falco richiama Schettino a tornare a bordo, si trasforma in un dialogo fra amici dove (Schettino-De Falco) dice a (Schettino-Schettino): “Ok, avrebbe dovuto evitarlo, ma è riuscito ad appoggiare la nave in modo che non affondi, tragga tutti in salvo e prima che sorga il sole andiamo in un pub a berci una birra!”

Nel cast appaiono anche Cristina Capotondi nel ruolo della moldava Domnica, Beppe Fiorello che interpreterà se stesso in vacanza sulla Concordia e Gabriel Garko nel ruolo dello scoglio.

I critici che sono riusciti a vedere l’anteprima del film, parlano di una grande prova d’attore di Schettino nel ruolo di De Falco, che sembra umanizzato da quella leggerezza che l’ex capitano della Concordia ha saputo dare al duro e puro De Falco. Schettino continua a sorprenderci: dopo essere salito in cattedra ci dà questa ennesima prova di talento, facendoci immedesimare in un personaggio fragile e disperato.

Sergio Marinelli

Sergio nasce nel 1976, anno del cazzo, dove l'evento più allegro è il terremoto in Friuli. A scuola gli dicono che ha le capacità, ma non s'impegna e quando lo fa finge di non avere le capacità. Il suo motto è: non fare oggi quello che domani potrebbe essere inutile fare. Non pratica sport, sudare lo mette a disagio. Ora vive a Porto Sant'Elpidio, paese del cazzo, dove la cosa più eccitante è attraversare i binari con le sbarre del passaggio a livello abbassate.

3 Comments

  1. Niente di più facile che venga sfruttata l’omonimia.
    D’altronde dopo che il cialtrone vero ha tenuta lezione alla Sapienza e che il capitano De Falco è stato silurato…

  2. mio dio…è satiraaaaaa per i fagiani che ancora credono a lercio.it . Fatevi una risata ogni tanto

  3. Certo che è satira,però non si vorrà negare che il più delle volte anticipa la verità!
    E allora si ride,sì,ma amaramente!

Commenta