(Foto: Joey Masturb)

(Foto: Joey Masturb)

Camionista si schianta con un carico di vodka contro banca del seme e inventa il cocktail dell’estate

6 maggio 2015

Val di Sperma(Co) – Si chiama White Christmas il cocktail, a base di vodka e liquido seminale, inventato qualche mese fa dal 48enne camionista comasco Edoardo Pendolone, e che ora sta spopolando nei locali più esclusivi di tutta Italia, Molise compreso, e che, nonostante il nome, sta mettendo già una seria ipoteca sul prossimo titolo di cocktail dell’estate.

La geniale intuizione è, però, in gran parte frutto del caso: la mattina del 23 dicembre scorso Pendolone viaggiava, infatti, con un carico di vodka Vladimirnoff destinato ai locali chic della mafia russa di Milano, quando giunto nei pressi di Borgo Schizzo, nella Val di Sperma, uno gnomo con l’ascia gli ha improvvisamente attraversato la strada, facendogli perdere il controllo del mezzo nel tentativo di schiacciarlo.
Il pesante tir è finito in testacoda e il rimorchio col carico è andato a sfondare i laboratori della locale banca del seme. Fortunatamente l’edificio era in quel momento vuoto per le feste, a parte il manutentore Filippo Lospruzzo, che stava ultimando il riordino delle provette in ordine di candore e dolcezza ed è miracolosamente rimasto illeso.
Edoardo Pendolone, appena sceso dalla cabina, ha chiesto a Lospruzzo se ci fosse qualcuno da soccorrere, tranquillizzato da quest’ultimo, ha deciso che il modo migliore per festeggiare la scampata tragedia, il “miracolo di Natale” – come lo ha chiamato il camionista – era un bel brindisi con la vodka.
Pendolone ha quindi afferrato i primi due recipienti a portata di mano nel frigorifero senza badare al prezioso contenuto, versato l’alcolico da una delle bottiglie superstiti e buttato giù il liquido, prima che Lospruzzo potesse avvertirlo.
L’autista è stato immediatamente conquistato dall’armonia di sapori, dal retrogusto di Batida e dal leggero solletico al palato provocato dalle code degli spermatozoi, e ha insistito perché anche l’altro assaggiasse tale delizia. Dopo la ritrosia iniziale, ma solo perché astemio, Lospruzzo è stato convinto dal metro e novanta di altezza per 120 kg. del camionista a brindare con lui.

Durante le feste Pendolone ha così convinto tutti i suo amici, per lo più prostitute, viados e autori di saggi revisionisti, a provare il White Christmas e così, grazie ad un capillare passaparola, nel giro di pochi mesi il cocktail è diventato celebre in tutta Italia e ha permesso al fortunato camionista di vincere contemporaneamente il premio ‘Barman dell’Anno’ dall’associazione Amici di Sbronze e il trofeo ‘Cazzo d’Oro’ del Consorzio Produttori Pornografia che hanno assicurato che il nuovo coktail prenderà il posto del White Russian nel film hard “Il grande Trombowski”.

Gianni Zoccheddu

Gianni Zoccheddu nasce in Sardegna nella calda estate del '76, unico sopravissuto di 4.576.458 fratelli, tutti morti durante la fecondazione. Fino ai 18 anni è convinto di essere Gesù poi, fallito il tentativo di moltiplicare pani e pesci facendoli accoppiare tra loro, smette di credere in se stesso e diventa ateo. Dopo alcuni anni passati a lavorare come commesso presso un distributore automatico si iscrive in Lingue, ma non si laurea per colpa dei comunisti, le scie chimiche e i rettiliani. Attualmente vive a Scrotopoli, dove si prende cura di una dozzina di troll nani, cercando faticosamente di guarirli dalla schizofrenia. Nel tempo libero ama fare bolle di sapone col culo e conosce personalmente un quasar. Segni particolari: un vistoso rinoceronte tatuato sulla chiappa destra di un altro tizio. Motto preferito: meglio soli che pianeti.

Commenta