Autore: Marco Bastiani

Autore: Marco Bastiani

Bloccato alla dogana Tir carico di bambini diretto in Italia per le adozioni gay

28 febbraio 2016

Chiasso – È stato bloccato alla dogana commerciale di Chiasso un tir battente targa bulgara con un carico di quasi 2 tonnellate di bambini ambosessi destinati al mercato delle adozioni italiano a causa delle modifiche apportate al Ddl Cirinnà sulle unioni civili, che hanno stralciato la Stepchild Adoption, snaturandolo. Una situazione spinosa e a tratti paradossale, che si è venuta a creare a causa di un mix letale di incomprensioni politiche, burocrazia e frenesia gay e in cui a rimetterci è sempre la categoria più debole e indifesa, i camionisti.

Le autorità di frontiera hanno spiegato che il carico, non essendo prevista ancora una normativa specifica (esattamente come nel decreto Cirinnà modificato per quanto riguarda la situazione dei figli naturali di uno dei contraenti l’unione civile), è soggetto alle norme che regolano il trasporto di animali vivi e quindi, non essendo possibile risalire all’allevamento di provenienza ed essendo i bambini sprovvisti di un certificato sanitario riconosciuto nella comunità europea, è da considerarsi merce a rischio e va sottoposto a fermo amministrativo. D’altro canto le coppie che avevano ordinato i bambini hanno dovuto annullare l’ordine e perdere la caparra e per questo stanno organizzando una class-action nei confronti del governo e della ditta di spedizioni, supportati dalle associazioni di consumatori.

Il medico veterinario dell’Usl, intervenuto come previsto in questi casi, ha disposto una sosta per il riposo e l’abbeveramento per almeno 12 ore prima di riprendere il viaggio di ritorno al paese di origine, decisione questa che ha mandato il trasportatore su tutte le furie: “Io perdio li porto a casa di Grillo!” ha dichiarato ai nostri microfoni; infatti al povero conducente è stata contestata anche la violazione delle prescrizioni in materia di densità del carico. Ora l’unica speranza per sbloccare la spigolosa situazione è che prima di commentare l’articolo indignato, il lettore capisca che paragonare i bambini alla merce è sbagliato esattamente come fare propaganda politica sui diritti delle persone.

Vittorio Lattanzi

Inquina il pianeta sin dal 1977, marchigiano doc, è noto alle cronache per la famosa frase "Ahi, no coi denti!" sussurrata a Lady Gaga durante un pompino. Riproducendosi ha reso carta straccia 20anni di lavoro di Darwin, ora è padre di una bambina che ha deciso di chiamare come la nonna materna, Nonna. Attualmente vive.

Commenta