(Foto: www.fondazionemarinasinigaglia.it)

(Foto: www.fondazionemarinasinigaglia.it)

“Bergoglio meglio di Ratzinger”, scoppia la rissa tra i papaboys

30 ottobre 2014

CITTA’ DEL VATICANO (vietata ai minori di 18 anni) – Tafferugli e disordini durante l’ultimo Angelus di Papa Francesco. Gli scontri sono scoppiati proprio sotto il balcone del pontefice e hanno visto coinvolte le due più importanti fazioni dei papaboys: i ratzingeriani e bergoglioni.

La prima ad aggredire sarebbe stata la frangia più violenta dei papaboys del Vaticano nord, gli ultrà di Ratzinger, che hanno intonato un coro palesemente offensivo: “Un solo Ratzy! Un solo Papa! Bergoglio poba! Bergoglio poba!”, verso i papaboys del Vaticano sud, gli irriducibili di Bergoglio. Le due fazioni hanno così iniziato a urlarsi contro preghiere e penitenze. Il duello verbale è degenerato quando i ratzingeriani più violenti hanno iniziato a lanciare crocifissi, rosari e breviari di messe in latino verso la fazione opposta. I bergoglioni hanno subito porto l’altra guancia beccandosene anche su quella, poi anche loro hanno iniziato a lanciare cestini per le offerte ai poveri, pezzi originali della croce di Gesù Cristo e statuette di San Francesco d’Assisi.

La rissa è stata sedata prima che si giungesse al contatto diretto, grazie all’intervento delle guardie svizzere, schierate in assetto antiscissioni.
Il bilancio è tutto sommato positivo: 25 santi, 30 beati e nessun aborto né matrimonio omosessuale.

Il Papa ha fortemente stigmatizzato l’episodio, apostrofando i facinorosi come: Imbecilli che la domenica non sanno tenere le mani giunte in preghiera e si sfogano sugli spalti dello stadio di Dio, rovinando la Santa Partita agli altri.

Claudio Favara

(Catania, 1982). Studia tantissimo per poter lavorare nei call center prima, come trascrittore poi. Per arrotondare fa l'orso nelle fattorie della bile cinesi.

Commenta