Libri antichi

Appassionato di lingue morte si suicida per poterle parlare

10 giugno 2017

Fuoriglotta  – Ha deciso di farla finita ieri mattina, alle 12:34, nella sua biblioteca ricolma di libri in aramaico e in greco antico, Christodoulos Papatheochristofilopoulos, al secolo Mario Rossi, un brillante professore universitario di “Filologia” e in “Arte della Bocciatura dell’Ultimo Esame che Porta alla Laurea”.

Una passione, quella per le lingue cosiddette morte o estinte, che lo ha segnato fin dalla sua nascita,  e condotto fino alla tragica risoluzione finale pur di veder realizzato, finalmente, il suo sogno da bambino: quello di poterle parlare un giorno. Attoniti e increduli familiari e amici che, dalle prime ore, sono accorsi per la veglia funebre. “Da tempo non riuscivamo più a comunicare con lui” – ha dichiarato uno dei suoi amici più stretti Longo Leonesi – “Spesso ci parlava in sanscrito (lingua da cui provengono l’hindi e altre lingue parlate in India) o in urdu (lingua indoeuropea sviluppatasi in Asia meridionale tra il 1200 e il 1800) o persino in Salviniano (una lingua gutturale che consiste in poche espressioni base come “ruspa” e “tutti a casa loro” da ripetere ogni cinque minuti ma principalmente davanti alle telecamere) ma nessuno di noi lo comprendeva”.

“Il gesto estremo”, come ripete il Leonesi, “credo sia stato causato anche dall’impossibilità che aveva il mio illustro amico di capire termini come “apericena”, “attimino” e “quarto d’orina”, cercava di dargli un senso magari in sumero o in austrolopiteco antico, ma niente da fare. Ora starà sicuramente insegnando agli angeli il Codex Seraphinianus o qualsiasi altra cosa che aveva sempre sognato di parlare”.

La madre, affranta, ha rilasciato poche parole ai nostri microfoni: “Siamo tutti senza parole”. Il rito esequiale, inizialmente previsto in latino antico, sarà officiato dal parroco del quartiere in cinque diversi vernacoli locali, compreso il “bestemmione a tratti orizzontali” per via dell’impossibilità del Papa emerito Ratzinger di presenziare all’evento dato che aveva già annunciato la sua presenza al Twiga Beach Club di Briatore in Versilia.

Salvatore Martino & Davide Paolino

Lo sporco che fa notizia

Commenta