alitalia

Alitalia assume mental coach per convincere i dipendenti a licenziarsi da soli

27 aprile 2017

ROMA – “È tutto dentro di noi ma anche fuori di noi. La forza esiste per farci fare cose ma esistono forze che non ce le vogliono far fare. Troppo spesso la saggezza è solamente la prudenza più stagnante”. Sono solo alcune delle pillole di saggezza elargite dal mental coach Roman Braves, incaricato dai vertici Alitalia di motivare i dipendendenti ad andarsene.

Ma che cazzo devo ancora fare per convincere queste cocciute patelle a levarsi dai coglioni?!” È un Luca Cordero di Montezemolo davvero furioso, quello registrato dai microfoni che abbiamo nascosto settimane fa nella sua zazzera. Il rampante presidente della nostra compagnia di bandiera, che aveva per una volta cullato l’illusione di non mandare in vacca qualcosa su cui avesse messo le mani, non sa più cosa inventarsi per incentivare i lavoratori Alitalia a rassegnare le dimissioni e lasciarlo finalmente partire per il suo weekend a Capri, Porto Palo, Corsica, Cortina, Mondello, Ponza  e, se avanza tempo, Marte.

A nulla sembra essere servito dichiarare apertamente che l’idea di non vendere Alitalia ad Airfrance nel 2008 fosse di Silvio Berlusconi: “Porca puttana! Ma se nemmeno dire che Good Company e Bad Company  sono una pensata di Silvio è bastato a far capire che un progetto è davvero di merda, io cosa devo fare?!”

Neanche l’introduzione delle nuove divise ha sortito il fuggi fuggi generale auspicato: “Io c’ho provato, davvero! – confessa Ettore Bilotta, lo stilista che ha “disegnato” i capi che tanto hanno fatto discutere – Luchino (Montezemolo, NdR) mi ha espressamente chiesto di realizzare per i lavoratori della compagnia il look più abominevole, ridicolo e vomitevole che si potesse concepire, e io l’ho fatto dopo una congestione da ostriche scadute che mi sono procurato apposta per fornirmi la necessaria ispirazione, ma i miei sforzi non hanno purtroppo sortito l’effetto auspicato“.

Ora però, il crinieroso puledro bolognese sembra aver trovato l’idea giusta: “Cos’è che tutti i dipendenti detestano, più delle ferie non pagate, della macchinetta del caffè rotta e dei bagni senza carta igienica? I motivatori! Quei tizi che mediano tra essenza ed esistenza (qualunque cazzo di cosa significhi!) e che vanno tanto di moda tra le aziende più cool“. Montezemolo si è quindi rivolto al più celebre mental coach di questi anni, il richiestissimo Roman Braves, il guru che vanta risultati clamorosi come l’aver convinto lo scrittore Mauro Corona a farsi una doccia o Mario Adinolfi a lasciar leccare alla moglie l’involucro dell’ultimo Mon Chéri.

Braves si dice certo che dopo una settimana di mail che si chiudono con una delle sue perle di motivazione, i dipendenti faranno a gara per lasciare il proprio posto nella compagnia: “E se si dovessero dimostrare ancora poco ricettivi, verranno costretti a guardare ripetutamente tutta la saga di Airport con sottofondo di Beethoven, e se ancora non fosse sufficiente le prossime divise si potrebbero far disegnare a Valeria Marini… e lei non ha bisogno delle ostriche scadute!”.

Augusto Rasori

Credo nell'amore, l'amicizia, l'onestà, la generosità, l'altruismo ma soprattutto la verità. O non scriverei qui...

Commenta